Gli Atroci – Metal Pussy

Inutile negarlo, Gli Atroci sono tra le band più importanti del panorama metal italiano. Se sei un metallaro e vivi in italia avrai almeno una volta cercato di seguire alla lettera i 10 Metallamenti, provato a votare Il Sole con le Borchie alle elezioni o cantato le gesta di Italo Porcu e Peppino L’usuraio. Dopo 10 anni dall’uscita dell’ultimo lavoro la band bolognese è tornata con il nuovo album Metal Pussy.

Il disco si apre con la classica traccia sketch L’avvento (Parte IV) per passare alla prima canzone La Birra (Tanta), un’ottima introduzione in stile Atroci, un brano con sound metal classico, che cambia con Rutti Mostuosi, con leggere influenze Progressive Metal e un chorus bello potente. Con l’arrivo di Probably Risk To Die troviamo un brano bello potente caratterizzato da riff aggressivi e un chorus diretto che ti spinge a cantare con il brano in riproduzione.

Con Il Mio Gruppo Metal si divertono a citare molte band scherzando sui nomi (concept che verrà ripreso spesso nel disco), ma allo stesso trattasi di uno dei brani di maggiore impatto del disco anche con la partecipazioni di Roberto Tiranti (Labyrinth) e Michele Luppi (Whitesnake) che riescono a dare quella particolarità in più al brano, e parlando di citazioni, giusto menzionare La Vendetta Della Faraona un brano di stampo Iron Maiden, ben riuscito e con ottime liriche..

Tra i brani degni di nota è difficile scegliere, perché sarebbe giusto parlare di tutti, ma giusto parlare di Perfekt Kombination nel suo stile Rammstein e dal testo semplice ma efficace, Magari Morite dove Gli Atroci proseguono la loro crociata contro la musica elettronica in un brano che è proprio una vera e proprio chiamata alle armi, Pogo Pogo Pogo che solo sentire il nome e le prime note è in grado di far partire il mosh-pit più violento e la sonorità alla System Of A Down. Uno dei brani migliori del disco è sicuramente Lungo e Diritto, un brano metal in puro stile… Francesco Guccini, con un ottimo testo è un ottimo lavoro di fusione di due generi molto differenti.

In conclusione Metal Pussy è un disco che rispecchia le caratteristiche degli Atroci, canzoni dirette che colpiscono subito l’ascoltatore grazie ai loro testi demenziali ma allo stesso tempo al grandissimo lavoro da parte dei musicisti di creare sonorità potenti e variegate, forse un disco che manca di brani che possano diventare iconici come furono I Guerrieri del Metallo e Alvaro Il Metallaro, ma sicuramente la band ha dimostrato molta passione nella lavorazione del disco e sono sicuro che gli ascoltatori apprezzeranno il lavoro svolto dalla band.
Quindi come al solito vi lascio e vi auguro un buon ascolto di Metal Pussy.

Tracklist:
1. L’Avvento (Parte IV)
2. La Birra (Tanta)
3. Borchios +
4. Rutti Mostruosi
5. Probably Risk To Die
6. Voglio Fare Il Roadie
7. Il Mio Gruppo Metal (Feat. Roberto Tiranti & Michele Luppi)
8. Chitarra Coreana
9. La Vendetta Della Faraona
10. I Compositori Di Una Volta
11. Perfekt Kombination
12. Magari Morite
13. Lungo E Diritto
14. Perche’ Non Parli Piu’?
15. Pogo Pogo Pogo
16. Quando Si Fa Sera
17. Glory Hole (Feat. Infernal Putrefaction)
18. I Dischi Di Papà
19. Dottore Dottore
20. Briscola
21. La Fuga (Parte IV)

Line-Up:
Il Profeta (Claudio Venturi) – Voce
La Bestia Assatanata (Alberto Bergonzoni) – Chitarra
L’Orco Cattivo (Michele Panepinto) – Batteria
Il Nano Merlino (Michele Catalano) – Voce
Il Boia Malefico (Denis Borgatti) – Voce, Tastiere 
L’Oscuro Alchimista (Luca Nicolasi) – Basso 

Anno: 2019
Etichetta: A.I.M. Records
Voto: 8.5/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...