Xibalba – Años En Infierno

Nella lingua dei Maya Xibalbà è il nome dato all’oltretomba, abitato dagli spiriti dei morti e dalle malattie e la cui entrata era tradizionalmente collocata in una caverna in Guatemala.
Data questa tenebrosa introduzione, possiamo già ben immaginare che da una band che porta questo nome non possiamo aspettarci certo canzoncine della buonanotte ed infatti i californiani Xibalba (pronunciato scibalbà) ci propongono un Death Metal molto crudo ed oscuro con intense influenze Hardcore Punk e Doom Metal.
A cinque anni dall’ultimo LP, gli americani escono nuovamente dai loro sepolcri con un nuovo disco che ha la potenza di uno schiacciasassi.

La canzone di apertura La Injusticia è di grande impatto, aggressiva ma molto variegata, grazie ai diversi cambi di tempo che danno quasi l’idea di ascoltare brani differenti.
Un inizio martellante ed ossessivo sfocia in un mid-tempo più lento e pesante che fa da corpo a tutto il brano, per poi tornare nuovamente a randellare nella parte conclusiva del pezzo.
Una delle canzoni più veloci del disco è Santa Muerte che si apre con un riff di chitarra che entra in testa per poi caricare sempre più furiosamente in un inseguimento di growl furenti; anche in questo brano non mancano i break-down in mid tempo che rendono il pezzo cupo ed oscuro.
La title-track Años En Infierno è un brano di sincero Death Metal nello stile Americano, degno di portare il nome del disco.
Pezzo breve, potente e con un finale grave e brutale.
A conclusione dell’ album abbiamo El Abismo Pt.1 e Pt.2, due semi ballad Death Metal che a metà brano si trasformano assumendo toni e sonorità più lente e malinconiche dal carattere Doom.

Finendo di ascoltare Años En Infierno (oltre ad avere le orecchie affaticate per la furia a cui hanno assistito) la sensazione non è quella di aver ascoltato un solo album e questo perché al suo interno sono presenti influenze molteplici; si può percepire l’incidenza degli Obituary e dei Morbid Angel, capostipiti del Death Metal targato USA, altri passaggi (come da analisi) sono riconducibili al Doom Metal ed altri ancora all’Hardcore; ci troviamo insomma, di fronte ad un insieme variopinto di stili che nella loro mescolanza creano un buon amalgama musicale in grado di soddisfare anche i palati più raffinati tra gli appassionati di questo tipo di musica.

Xibalba - Photo

Nel ringraziarvi per l’attenzione vi auguro un buon ascolto (possibilmente a luci spente mentre sorseggiate del buon Mescal).

Tracklist:
1. La Injusticia
2. Corredor De La Muerte
3. Santa Muerte
4. Saka
5. Años En Infierno
6. En La Oscuridad
7. El Abismo, Pt.1
8. El Abismo, Pt.2

Line-up:
Nate Rebolledo (Voce)
Scott Fahey (Chitarra)
Brian Ortiz (Chitarra)
Eric Netto (Basso)
Jason Brunes (Batteria)

Anno: 2020
Etichetta: Southern Lord
Voto: 7.5/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...