Power Paladin – With The Magic Of The Winfyre Steel

L’Islanda è una terra fredda ed inospitale e non a caso è la patria di alcune delle band metal più oscure e malinconiche della scena. C’è anche chi però, in mezzo a questi panorami glaciali, non si lascia intimidire dal buio e preferisce immaginare un mondo epico popolato da eroi coraggiosi e creature fantastiche. E’ questo il caso dei Power Paldin, band di Reykjavík che ha da poco dato alla luce il suo album d’esordio With The Magic Of Windfyre Steel, un disco permeato dalle atmosfere epiche e solari tipiche del Power Metal, che rappresenta davvero una singolarità nel panorama musicale del paese.

Già dai primi minuti di ascolto è facile intuire la venerazione del combo di Reykjavík per il Power Metal classico. Brani quali Kraven The Hunter e Righteous Fury hanno tutte le carte in regola per soddisfare i fan di questo genere; chitarre velocissime, cavalcate di batteria e tanta epicità. Non mancano i momenti più melodici come nel caso di Evermore, dal ritornello super catchy, alternati ad altri più spinti come in Dark Crystal e Way Of The Kings. In Ride The Distant Sky è palese la citazione ai Rhapsody Of Fire sia nel riff di chitarra che nell’ambientazione del brano mentre Creatures Of The Night occhieggia all’Happy Metal.

POWER PALADIN: i dettagli del nuovo album “With The Magic Of Windfyre  Steel”, il video del nuovo singolo “Righteous Fury”

Che il Power Metal sia un genere derivativo è indubbio ma, tra i musicisti che si avvicinano a questo tipo di musica, esistono band che sono palesi copia/incolla, mentre ne esistono altre che, nonstante le citazioni, sono in grado di creare un loro stile tutto personale. I Power Paladin fanno esattamente questo, personalizzano molto bene gli ingredienti presi in prestito dalle altre band trasformandole nella loro personale visione musicale. All’interno di With The Magic Of Windfyre Steel infatti (oltre ai già citati Rhapsody) è possibile cogliere elementi presi da Dragonforce e Gamma Ray, mentre per il cantato super melodico gli Helloween di Kiske e gli Edguy sono certamente la fonte d’ispirazione principale. Il risultato è un disco piacevolissimo all’ascolto, ricco di passione per la musica e per il mondo fantasy/nerd di libri, fumetti e giochi di ruolo; un album che colpisce il cuore degli appassionati perchè creato da appassionati di questo universo.

Tracklist:
01. Kraven The Hunter
02. Righteous Fury
03. Evermore
04. Dark Crystal
05. Way Of Kings
06. Ride The Distant Storm
07. Creatures Of The Night
08. Into The Forbidden Forest
09. There Can Be Only One

Line-Up:
Atli Guðlaugsson – Voce
Ingi Þórisson – Chitarra
Bjarni Þór Jóhannsson – Chitarra
Kristleifur Þorsteinsson – Basso
Bjarni Egill Ögmundsson – Tastiere
Einar Karl Júlíusson – Batteria

Anno: 2022
Etichetta: Atomic Fire
Voto: 8/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...