Slash: “Michael Jackson era un vero professionista”

Durante una conversazione con Kerrang , il chitarrista dei Guns N ‘Roses Slash ha ripensato alla collaborazione con Michael Jackson nei primi anni ’90, spiegando come è nata l’intera faccenda.

Slash ha contribuito con le tracce di chitarra in studio all’album di Michael del 1991 Dangerous, esibendosi nel singolo Give In to Me, oltre a suonare la parte introduttiva di Black or White.

La slash di GN'R parla di come ci si sente a lavorare con Michael Jackson, spiega cosa gli ha fatto sentire dispiaciuto per lui

Alla domanda su come sia finito in Dangerous, il chitarrista ha risposto:

“Inizialmente, è stata una telefonata del mio manager in cui ha detto: “Michael sta cercando di mettersi in contatto con te”, e io ero tipo “Wow”. Così l’ho richiamato e voleva che suonassi in “Dangerous”.

Abbiamo fissato un appuntamento e sono andato allo stabilimento discografico di Hollywood ed era lì con [l’attore] Brooke Shields. È stato molto surreale. Queste erano due persone con cui sarei cresciuto, in un certo senso.

Quindi siamo rimasti in giro per due minuti e sono andati a cena e mi hanno lasciato con questa canzone. Ho fatto la mia cosa, l’ha davvero scavata e poi ha continuato a chiedermi se avrei voluto farlo o no.

Feci alcuni spettacoli qua e là ed è stato divertente perché era un vero professionista ed era un tale fottuto talento. Questa era la cosa principale: era incredibilmente fluido musicalmente.”

Com’è stato uscire con lui?

“Quando non lavorava, o in produzione o altro, era allora che si vedeva che era in qualche modo in balia del proprio successo.

Tutte le persone che aveva intorno a sé, si capiva che sapeva che il 90% di loro era pieno di merda. Mi dispiaceva per lui in quel senso.

Ho fatto un paio di spettacoli con Michael a Tokyo e ho visto come funzionava tutta questa fottuta cosa, e lui ne era il centro. L’unica volta in cui mi sono sentito davvero in una qualsiasi zona di comfort era quando era effettivamente sul palcoscenico.

Subito dopo, i Guns erano arrivati in città e i nostri spettacoli e il nostro successo sono stati enorme, ma non è stato così travolgente come quello che Michael stava passando.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...