Alestorm – Curse Of The Crystal Coconut

Gli Alestorm, la band scozzese pioniera del Pirate Metal, famosa per il suo stile e l’ironia delle loro canzoni torna dopo il successo di No Grave But The Sea con il nuovo album Curse Of The Crystal Coconut.

L’album parte diretto con Treasure Chest Party Quest, un brano classico nello stile della band scozzese, metal aggressivo condito da strumenti folkoristici e testi che invitano a bere alcool, in tutto con voglia di festeggiare, un’ottima introduzione per l’album. Andando avanti si arriva a Fannybaws, uno dei migliori brani del disco, una canzone che richiama molto i primi album della band con il racconto di questo immaginario pirata senza macchia e senza paura (se cercate, infatti, Fannybaws troverete più interessanti curiosità sulla lingua scozzese che racconti di un pirata).

Arrivando a Tortuga gli Alestorm provano a mettersi alla prova con delle sonorità nuove unendo il loro pirate metal con un hip hop da spiaggia, un mix che al primo ascolto può far storcere il naso ma con il passere si può apprezzare l’esperimento. Con Zombie Ate My Pirate Ship, le armonie goliardiche e di festa tendono a dar spazio a un brano più cupo e triste (tranne per il testo) ben realizzato con un ottimo scambio tra i 2 cantanti della band e Patty Gurdy, diversi cambi di groove che rendono il brano più dinamico e un accattivante ritornello che rimane subito nella testa dell’ascoltatore.

Tra i brani degni di nota giusto giusto menzionare Pirate’s Scorn, una vera ballata celtica metal molto catchy, Shit Boat (No Fans), una specie di filastrocca grezza e volgare che con solo il suo minuto e 14 secondi riesce a prendere l’ascoltatore, Pirate Metal Drinking Crew che pare un brano biografico sulla falsa riga di Kings Of Metal dei Manowar, un brano quasi di presentazione degli Alestorm che sicuramente in sede live farà la sua sporca figura.
Tra le tante canzoni degne di nota c’è pure un inaspettato seguito di Wooden Leg, il brano che raccontava le disavventure di un povero pirata che perse gambe e braccia ha una seconda parte, una partenza quasi black metal per poi passare a un sound simile al side-project di Christopher Bowes (Glory Hammer), una canzone che è una perfetta colonna sonora per qualsiasi racconto epico dove le sonorità riescono a spaziare tra quelle più sinfoniche a quelle 8-bit per terminare con un richiamo fedele alla canzone originale per concludere la canzone e la storia del protagonista nel modo più esilarante possibile.

Alestorm, tutti i dettagli del nuovo album 'Curse of the Crystal ...

In conclusione Curse Of The Crystal Coconut è un’ottima conferma degli Alestorm. Un album molto orecchiabile e ben realizzato che sicuramente verrà apprezzato dai fans di lunga data e anche per chi non li conosce. L’ironia, il genio e la follia di Bowes e compagni non hanno limiti in questa nuova realese.
Quindi vi saluto e vi invito, in questa occasione, a prendere le vostre bottiglie di rum e salpare l’ancora assieme agli Alestorm e all’ascolto di Curse Of Crystal Coconut.

Tracklist:
1. Treasure Chest Party Quest
2. Fannybaws
3. Chomp Chomp
4. Tortuga
5. Zombies Ate My Pirate Ship
6. Call of the Waves
7. Pirate’s Scorn
8. Shit Boat (No Fans)
9. Pirate Metal Drinking Crew
10. Wooden Leg Pt. 2 (The Woodening)
11. Henry Martin

Line-Up:
Christopher Bowes – Voce, Keytar
Gareth Murdock – Basso, Cori
Mate Bodor – Chitarra, Cori
Peter Alcorn – Batteria, Cori
Elliot Vernon – Tastiera, Voce

Captain Yarrface – Voce (Traccia 4)
Mathias “Vreth” Lillmåns – Voce (Traccia 3)
Patty Gurdy – Voce (Traccia 5), Ghironda
Ally Storch – Violino
Tobias Hain, Jan Philipp Jacobs – Ottoni
Fernando Rey, Kaelhakase, Tatsuguchi – Voce Narrante (Traccia 10)

Anno: 2020
Etichetta: Napalm
Voto: 8/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...