The Ferrets – Sick Sad World

La copertina di questo disco è straziante: una DeLorean DMC-12 che va a fuoco. Il simbolo della famigerata trilogia “Ritorno al futuro” viene devastata. Perché? Perché è un album punk, ed il punk va contro ogni regola, ogni standard ed ogni moda. Non che Sick Sad World si tratti di un lavoro dal sound molto tosto ed aggressivo. Invece i Ferrets hanno voluto rendere di gradevole ascolto questo genere, un po’ come il punk di fine anni ’90 e di inizio millennio, nonostante il disco sia del 2019.

Il gruppo è giovane ed il sound ne risente in maniera positiva. La musica sembra riportarci all’adolescenza già con la prima traccia Tonight. Questa sera si va a ragazze, si va ad una festa e “Tonight, I wanna see you again, we will dance, we have the same burning eyes. Se non ci scappa un bacio siete due pusillanimi! Il ritmo tira, le chitarre marciano in riff veloci e la voce corre.

La track-list Sick Sad World ha una musicalità, specie con il ritornello, molto catchy. Il tema si stampa nella mente e viene voglia di cantare insieme ai Ferrets. Ancora grinta per questo mondo triste e malato dove questi giovani dicono di voler difendere i propri ideali finché potranno. “Because this is a sick sad world” è come un mantra ripetuto spesso nel pezzo, con la rabbia e la convinzione a convincere di ciò anche l’ascoltatore e semmai unirsi alla lotta sociale.

Responsibility? I’m not ready, I’m fine like that” riassume un po’ la mentalità di questo pezzo che si alterna tra il punk più spedito ed alcuni stop and go veloci. “Siamo troppo giovani per le responsabilità, c’è ancora tempo per lo stress da adulti” sembrano voler dire i Ferrets in questo pezzo. Beh hanno in media 25 anni, e forse sono anche delle teste di cazzo.

Basta tecnica, basta pezzi oltre i 3 minuti, basta testi profondi. C’è bisogno anche di semplicità nella musica di oggigiorno e di un album sfizioso come questo. Svuotiamo un po’ la mente in questi 17 minuti con 7 pezzi che non cedono il passo a romanticismo, tristezza o seghe mentali.

Tracklist:
01. Tonight
02. Sick Sad World
03. Responsability
04. The Party is not over
05. Ghevdet
06. It’s all up to you
07. Good Fight

Line-up:
Alex Davì – Voce, Basso
Corrado Casella – Voce, Chitarra
Samuele Garau – Voce, Chitarra
Nicolò Torciani – Batteria

Links:
Facebook
Spotify
Soundcloud
Twitter
Instagram

Anno: 2019
Etichetta: Monster Zero Records
Voto: 6.5/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...