Epica – Omega Alive, A Universal Streaming Event 12/06/21

Viste le innumerevoli difficoltà per fare i tour e, come annunciato da Mark Jansen durante la nostra intervista, anche gli Epica hanno deciso di fare il loro evento live streaming, Omega Alive, per promuovere l’uscita del nuovo album Omega, un concerto registrato presso gli AED Studios a Lint in Belgio e diretto da Jens De Vos.

EPICA – Omega Alive Universal [Livestream Review] (June 12th, 2021)

Il concerto si divide in 5 capitoli che si dividono tra di loro con dei brevi filmati in greenscreen dove Simone Simons ne è protagonista. Dopo il filmato iniziale, parte il concerto con il primo estratto di Omega, Abyss Of Time; il gruppo si presenta con il classico stage a 2 livelli che li ha accompagnati negli ultimi tour. La band viene accompagnata per l’occasione da dei ballerini e degli acrobati per dare un supporto visivo al concerto assieme agli effetti pirotecnici. Le performance sono rigorosamente dal vivo (ne sono prova i suoni dei fuochi artificiali che rientrano nei microfoni) con delle basi preregistrate di alcune orchestrazioni e cori per supportare le esecuzioni dei brani (come la band è solita fare da anni). Con The Skeleton Key verso il finale la band viene raggiunta da un coro di bambini per eseguire il brano il più fedele possibile alla versione dell’album. Dopo un nuovo filmato e un veloce cambio di abito inizia il secondo atto, Magnituda, dove vengono suonate una selezione di classici della band; lo scenario rimane lo stesso del primo atto, da sottolineare una stupenda performance sotto una pioggia artificiale sulle ultime note di Victim Of Contingency.

Con il terzo atto, Elysia, lo stage cambia prendendo un aspetto più ristretto ma la situazione si fa più spettacolare; vengono eseguiti Kingdom Of Heaven e la sua terza parte presente nell’ultimo album. Durante la performance i membri si permettono di cambiare gli strumenti come Isaac Delahaye, che nell’intermezzo del primo brano abbandona la chitarra elettrica per passare all’acustica e Coen Janssen, che va in primo per suonare un pianoforte infuocato. Un distacco più dal concetto di live ma viene valorizzato il livello scenico.

Con il quarto atto, Gravita, lo scenario diventa quasi televisivo e parte con un’inedita Rivers in stile a cappella dove Simone canta assieme ad un coro per poi lasciare spazio ad un assolo di chitarra di Isaac, accompagnato da Coen al pianoforte, che anticipano una versione alternativa di Once Upon A Nightmare, dove stavolta le inquadrature si focalizzano sulla cantante circondata da un cerchio di fuoco e dagli altri componenti della band.

Si arriva all’atto conclusivo ritornando sullo scenario dei primi 2 atti, partendo con Freedom – The Wolves Within dove la band viene accompagnata da un gruppo di ballerine che uniscono passi di danza pop a momenti di headbagging, che nella stranezza della cosa, si amalgama bene ai groove della canzone. Arrivati a Cry For The Moon compaiono sullo schermo alcuni frammenti della storia degli Epica dagli inizi fino ad oggi e, verso la fine del brano, Simone ringrazia il pubblico da casa per il supporto che hanno dato alla band, mentre i 2 chitarristi si spostano fuori dal palco per mostrare alle telecamere il dietro alle quinte. Con la conclusiva Omega – Sovereign Of The Sun Spheres la band viene raggiunta da tutti i vari artisti che hanno preso parte all’evento, creando un super scenario fatto dai musicisti, acrobati e ballerini, terminando il brano come in un concerto reale.

Omega Alive non è solo un concerto in streaming, ma va oltre all’idea del live offrendo un qualcosa in più a livello scenico che spesso in un concerto metal tradizionale non è facile trovare. La band è in gran forma e le esecuzioni sono impeccabile e perfette, gli stessi membri sembrano divertirsi durante le registrazioni dello spettacolo e dimostrano di avere un’ottima alchimia tra i membri. Per il prezzo del biglietto (20€) gli Epica hanno offerto un evento al di sopra delle aspettative e pieno di sorprese al quale purtroppo mancava un pubblico per applaudire le loro performance che tanto hanno meritato.
Un ottimo evento che speriamo volentieri venga pubblicato in futuro per le persone che non hanno avuto modo di seguire l’evento in streaming.

Setlist:

Act I Overtura:
Abyss Of Time – Countdown To Singularity
The Skeleton Key
Unchain Utopia

Act II Magnituda:
The Obsessive Devotion
In All Conscience
Victim Of Contingency

Act III Elysia:
Kingdom Of Heaven
The Antediluvian Universe – Kingdom Of Heaven Pt.III

Act IV Gravita:
Rivers
Once Upon A Nightmare

Act V Alpha & Omega:
Freedom – The Wolves Within
Cry For The Moon
Beyond The Matrix
Omega – Sovereign Of The Sun Spheres


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...