Evanescence – The Bitter Truth

Dopo un silenzio discografico di 10 anni, gli Evanescence tornano con The Bitter Truth.

18 anni fa avveniva il debutto della band con Fallen, che ha riscosso un successo planetario. La discografia degli Evanescence conta pochi dischi in studio, ma questi sono bastati per incoronare Amy Lee come regina del gothic rock. L’ultimo vero album di inediti era stato quello self-titled, dopo di che abbiamo avuto la parentesi orchestrale di Synthesis. I fan degli Evanescence hanno aspettato a lungo nuovo materiale e finalmente abbiamo tra le mani The Bitter Truth.

Questo disco è un vero proprio viaggio tra il dolore e i drammi del passato di Amy Lee, come ci racconta la traccia Better Without You. Broken Pieces Shine è stata scritta per i fan e per tutti coloro che non sono ancora riusciti ad abbracciare i propri difetti e a farne un punto di forza. Invece, Yeah Right e Take Cover sono state inizialmente concepite una decina di anni fa e mostrano un lato più frivolo ed ironico della band, che al contrario è famosa per la sua malinconia. Con Feeding The Dark, però, torniamo all’immaginario gotico a cui eravamo abituati, anche se da tempo la frontwoman ha abbandonato il suo look vittoriano.

Di tutt’altra influenza è il primo singolo che abbiamo ascoltato, Wasted On You, da alcuni giudicato troppo simile allo stile dei Radiohead. Al contrario, The Game Is Over era stata particolarmente apprezzata per il suo ritorno alle origini, mentre Use My Voice è stata una vera sorpresa. Inizialmente scritta per raccontare una testimonianza di abuso sessuale, ha poi assunto un significato più politico in concomitanza con le lezioni americane e la vittoria di Joe Biden. In quel periodo, Amy era stata molto attiva politicamente sui social, segno che sia i membri che il loro sound sono cambiati ed evoluti nel tempo. Ma The Bitter Truth porta con sé alcuni richiami ai primi lavori in studio, come Origin, e al celebre The Open Door con un tocco di modernità e innovazione.

Far From Heaven è una ballad struggente, dedicata al fratello di Amy scomparso prematuramente nel 2018. E al termine di questo viaggio alla ricerca delle risposte metafisiche, arriviamo alla speranza di Blind Belief, una fede cieca. Perché credere significa questo: accettare di non avere in mano le risposte di cui avremmo bisogno. Il messaggio che la band vuole comunicare è che alla fine solo l’amore può vincere sul dolore e sull’oscurità.

The Bitter Truth è il primo vero album realizzato in collaborazione con la chitarrista Jen Majura e segna il ritorno degli Evanescence dopo un lungo periodo di assenza. Il consiglio di Amy è di ascoltare il disco per intero, con gli occhi chiusi, lasciandosi trasportare dalla musica. La band di My Immortal è tornata a far parlare di sé con un nuovo incredibile album, che non vediamo l’ora di sentire dal vivo quando si potrà.

Tracklist:
01. Artifact/The Turn
02. Broken Pieces Shine
03. The Game Is Over
04. Yeah Right
05. Feeding The Dark
06. Wasted On You
07. Better Without You
08. Use My Voice
09. Take Cover
10. Far From Heaven
11. Part Of Me
12. Blind Belief

Line-up:
Amy Lee – voce, tastiere, pianoforte, organo, arpa
Troy McLawhorn – chitarra solista
Jen Majura – chitarra ritmica
Tim McCord – basso
Will Hunt – batteria
Deena Jakoub, Lzzy Hale, Carrie Lee, Lori Lee, Sharon den Adel, Lindsey Stirling, Taylor Momsen Amy McLawhorn – cori

Anno: 2021
Etichetta: BMG
Voto: 9/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...