Ensiferum – Thalassic

Gli appassionati di Fantasy ed epiche battaglie che si dilettano anche di musica estrema, non possono non annoverare tra le loro conoscenze i Finlandesi Ensiferum, band Metal di difficile connotazione che da 25 anni trascina la musica epica fuori dal gelo dei mille laghi per farla conoscere a tutto il mondo.
Come detto prima, la musica dei Finnici non è facile da definire, sopratutto perché negli anni ha subito alcune mutazioni, sia per quanto riguarda le tematiche che per la composizione.
I primi lavori della band erano infatti, decisamente improntati su un Melodic Death/Folk Metal di ispirazione vichinga ma, col passare del tempo, il sound degli Ensiferum si è spostato verso un Extreme Power Metal dai toni Folk che ha visto un ammorbidimento progressivo anche dello stile vocale con un’aggiunta importante di voci in pulito.
In questo ultimo lavoro fresco di uscita, che prende il nome di Thalassic, i portatori di spada  mantengono la linea morbida degli album precedenti con l’aggiunta di diversi passaggi in pulito e conservando soltanto il growl come elemento di continuità con le loro radici Melo Death.
Anche le tematiche prettamente nordiche vengono abbandonate in favore di un concept legato all’oceano ed alle sue leggende.

Seafarer’s Dream è la lunga intro che apre il tutto; suoni marinareschi e chitarre acustiche ci aiutano ad entrare nell’atmosfera dell’album mentre un crescendo sempre più epico conduce verso Rum, Women, Victory, primo vero brano del disco.
Pezzo molto piacevole che può dare molto, sopratutto in sede di live; canzone di puro Extreme Power Metal (anche se di estremo c’è solo il growl) decisamente catchy che vi porterà a cantare a squarciagola il titolo.
Andromeda è il secondo pezzo che incontriamo proseguendo l’ascolto, pezzo decisamente Ensiferum-style nel quale i riff Folk si mescolano perfettamente con il growl graffiante di Petri che si interrompe solo nel chorus che ci decanta la potenza della Regina Andromeda.
Altro brano tipico dello stile finlandese è The Defence Of The Sampo nel quale, sebbene manchi totalmente il cantato gutturale, si percepiscono tutti gli elementi tipici del sound dei portatori di spada (è anche presente il mid-tempo in stile western che è ormai un grande classico).
La pomposità non viene mai meno in questo disco e con For Sirens ci troviamo difronte alla classica cavalcata Power che tanto piace ai fan.
Growl e pulito si fanno da controcanto per tutta la strofa per poi giungere al ritornello epico che fa venire voglia di roteare un’ascia sulla testa; nulla di nuovo sotto il sole ma è questa la ricetta vincente dei Finlandesi.
Cold Northland (Väinämöinen Part III) è il maestoso finale del disco, una mini suite di quasi 9 minuti che rimpalla tra passaggi epici e melodici ad altri più aggressivi che ci accompagnano verso la conclusione di questo viaggio musicale sugli oceani.

Thalassic è, di fatto, l’album che segna il raggiungimento dei 25 anni di carriera degli Ensiferum, una carriera che inizia ad essere lunga ed importante; è forse il cambio di stile graduale che ha fatto si che i guerrieri finlandesi siano riusciti a mantenere una carriera così longeva?
Sicuramente il progressivo abbandono di un sound più duro ha permesso ad un gruppo più ampio di ascoltatori di avvicinarsi alla musica dei portatori di spada ma questo non è sufficiente a dire che ci sia stata una vera evoluzione.
Se analizziamo in modo critico i lavori del gruppo, infatti, notiamo che, sebbene cambi un po’ la forma, il contenuto rimane più o meno lo stesso e anche quest’ultimo disco non fa eccezione (l’unica vera novità sta nella creazione di un concept album, cosa innovativa nella carriera della band).
A costo di essere retorici potremmo descrivere questa ultima release parafrasando una celebre espressione: “Puoi togliere gli Ensiferum dal Melodic Death Metal, ma non puoi togliere il Melodic Death Metal dagli Ensiferum“.
Per quanto nel tempo abbiano, infatti, cercato di creare un sound diverso l’attitudine tipica dei primi lavori permane anche nelle release successive ed anche se in questo ultimo Thalassic il pulito sembra farla da padrone, le parti che restano più impresse sono proprio quelle dominate dalla voce gutturale di Petri che segnano un profondo legame con la musica più estrema e, sinceramente, va tanto bene così.

Ensiferum Official Site

Vi ringrazio per l’attenzione e vi invito a salpare sulla nave degli Ensiferum e a solcare con loro gli oceani di metallo.

Tracklist:
01. Seafarer’s Dream
02. Rum, Women, Victory
03. Andromeda
04. The Defence of the Sampo
05. Run from the Crushing Tide
06. For Sirens
07. One with the Sea
08. Midsummer Magic
09. Cold Northland (Väinämöinen Part III)

Line-up:
Petri Lindroos – Voce, Chitarra
Markus Toivonen – Chitarra, Seconde Voci
Sami Hinkka – Basso, Chitarra Acustica, Bouzouki, Seconde Voci
Pekka Montin – Tastiere, Seconde Voci
Janne Parvianen – Batteria, Percussioni

Anno: 2020
Etichetta: Metal Blade Records
Voto: 7.5/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...