Eregion – Age Of Heroes

Gli Eregion sono una giovane band Italiana nata nel 2012 arrivati al loro secondo lavoro discografico Age Of Heroes con la nuova formazione e a detta della band con uno stile più protratto verso il Power Metal ma mantenendo lo stile dell’album precedente.

Il disco si apre con l’intro Sacred Woods, un’ottima presentazione del disco che porta a Wings Of Eagle, un brano potente con un leggero richiamo alle ritmiche degli Helloween e una parte solistica di chitarra che si riesce a incastrare perfettamente nella strofa e da un ritornello con un coro bello aggressivo che in situazione live può caricare bene il pubblico presente. Un ottima apertura per l’album.
Con Jotunheim invece l’impatto presentato all’inizio è più immediato e lo stile cambia ispirandosi a dei groove e parti solistiche in pure stile da reel irlandese, stile che viene richiamato anche in The Stolen Hammer con un ottimo utilizzo del violino strutturato in modo da unire le ritmiche di chitarra alle parti vocali.

Tra i brani degni di nota giusto menzionare Balder’s Bane, una ballata che strizza un occhio ai Mago De Oz dei tempi d’oro che parte con un delicato arpeggio di chitarra circondato da delle ottime orchestrazioni per tornare in seguito alle sonorità distorte condite da una linea vocale struggente che richiama perfettamente le liriche del testo. Hermond The Brave con uno dei ritornelli miglior del disco trascinato da un coro potente che trasmette energia e New Order, una vera chiamata alle armi trascritta in musica con un intramezzo strumentale sulla base di una marcia di guerra e linee vocali degne di band di alti livelli, tra i migliori brani dell’album.

In conclusione, Age Of Heroes è veramente un ottimo disco dove la band piemontese è riuscita a creare un ottimo mix di Power Metal in vecchio stile unito agli elementi epici e alle tematiche norrene che sono riuscite a trasmettere perfettamente in musica, la novità rispetto al disco precedente dell’utilizzo del violino è un esperimento ben riuscito perché da come l’hanno presentato negli arrangiamenti parrebbe uno strumento standard per il metal.
Una particolarità che ho apprezzato di questo album al contrario dei canoni delle produzioni Power Metal moderne che comprendono orchestre sinfoniche virtuali (anche reali) e cori da 100 persone gli Eregion presentano il disco con i loro membri nei loro ruoli dando un vero impatto live da poter definire Age Of Heroes un vero e proprio biglietto da visita per i concerti della band nonché linee vocali dei ritornelli costruite apposta in modo che il pubblico presente possa cantare assieme alla band.
Quindi vi saluto e vi lascio scoprire gli Eregion con il loro nuovo lavoro Age Of Heroes.

Tracklist:
1. Sacred Woods
2. Wings of Eagle
3. Jotunheim
4. The Stolen Hammer
5. Ascalon (Siege and Demise)
6. Hands of Aesir
7. Balder’s Bane
8. Hermod the Brave
9. I Hel
10. New Order
11. O-Hey O-Ho

Line-Up:
Mauro Colbacchini – voce
Giorgio Colbacchini – chitarra
Gianluca “Odd” De Lotto – chitarra
Silvio Brusa – basso
Andrea “Blackhawk” Muscarello – batteria
Letiziamaria Gatti – violino/voce

Fabio Privitera – Voce (Traccia 7)
Luca Vinci – Tastiera
Elena Crolle – Cori (Tracce 4 e10)
Massimiliano Flak – Cori (Tracce 4 e 10)

Anno: 2019
Etichetta: Rockshots Records
Voto: 8/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...