Trick Or Treat – The Legend Of The XII Saints

I Trick Or Treat sono una delle più importanti band del panorama Power Metal italiano noti soprattutto per il loro stile unico e cartoonesco. Dopo il successo della raccolta di cover ReAnimated la band Modenese è tornata con un concept album basato sul famoso anime Saint Seiya meglio conosciuto in italia come I Cavalieri dello Zodiaco basandosi sulla storia dei Cavalieri D’Oro e infatti la band come promozione all’album a partire dal 2019 ha deciso di proporre un brano al mese in corrispondenza al segno zodiacale della canzone.

L’apertura del disco Ave Athena è una bella canzone sinfonica dove una narrazione della storia si scambia con una vera e propria lode alla Dea Atena per concludersi velocemente con un “Burn Your Cosmo” da far impazzire i fans della saga. Arriviamo alla prima traccia ARIES Stardust Revolution, un brano di vero Power Metal tipico della band con intro di chitarre solistiche e batteria sparata a velocità assurde per passare a momenti sinfonici dove Alessandro Conti si cimenta a cantare in latino come ai tempi dei Turilli’s Rhapsody, un’introduzione perfetta per l’album.

Arrivando a TAURUS Great Horn lo stile cambia, si parte da un riff di chitarra pesante e lento per poi arrivare a un brano in crescita fino a un ritornello che sa di onnipotente, una bella dimostrazione da parte della band di cucire le varie canzoni attorno ai Cavalieri che rappresentano, come anche nella successiva GEMINI Another Dimension, un brano da 2 facce, in alcune circostanze allegre e alcune cupe con un perfetto duetto di voci con Yannis Papadopoulos (Beast In Black). Con CANCER Underworld Wave, la sua partenza di Synth ricordano i vecchi giochi arcade, si riesce a percepire una bella idea di combattimento attraverso la musica rinforzata anche per il duello di assoli tra Benedetti e Venturelli.

Se devo menzionare dei brani in tutta sincerità ogni canzone di questo album merita uno spazio in questo articolo, ma se devo scegliere giusto parlare di VIRGO Tenbu Horin con la sua atmosfera spirituale trasmessa dalle scale orientali usate in questo brano, LIBRA One Hundred Dragons Force con la sua introduzione dove le chitarre si sfidano con un violino su un tema da folk Cinese, un brano che richiama allo stesso tempo molto lo stile delle sigle originale degli anime anni 80, PISCES Bloody Rose, una bella power ballad romantica condita da una stupenda introduzione di pianoforte e un ritornello molte dolce e raffinato, una prova che la band riesce perfettamente a comporre brani più calmi, uno dei brani migliori del disco per arrivare alla conclusiva Last Hour (The Redemption), un brano acustico quiete che con il crescere diventa una vera e propria commuovente preghiera ad Atena, una bellissima conclusione per questo viaggio musicale.

In conclusione, The Legend Of The XII Saints è sicuramente uno dei migliori lavori della band Modenese ma oserei dire che si tratta del miglior album dei Trick Or Treat, un album assolutamente perfetto senza sbavature con un ottimo lavoro di interpretare sotto musica la storia che racconta e i diversi Cavalieri D’Oro. Per curiosità mia ho provato a fare una cosa molto nerd provando a passare l’album di sottofondo a qualche scena dell’anime originale e posso dire che le due realtà riescono a combaciare perfettamente. Un album che va assolutamente ascoltato senza interruzioni, che farà piacere ai fan della band, e per chi è cresciuto seguendo le gesta di Pegasus e compagni.
Quindi non vi posso che consigliarvi di farvi trasportare dai Trick Or Treat e il loro album The Legend Of XII Saints.

Tracklist:
1. Ave Athena
2. ARIES Stardust
3. TAURUS Great Horn
4. GEMINI Another Dimension
5. CANCER Underworld Wave
6. LEO Lighting Plasma
7. VIRGO Tenbu Horin
8. LIBRA One Hundred Dragons Force
9. SCORPIO Scarlet Needle
10. SAGITTARIUS Golden Arrow
11. CAPRICORN Excalibur
12. AQUARIUS Diamond Dust
13. PISCES Bloody Rose
14. Last Hour (The Redemption)

Line-Up:
Alessandro Conti – Voce
Guido Benedetti – Chitarre
Luca Venturelli – Chitarra
Leone Villani Conti – Basso
Luca Setti – Batteria
Alessio Lucatti – Tastiere
Yannis Papadopoulos – Voce (Traccia 4)

Anno: 2020
Etichetta: Scarlet Record
Voto: 10/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...