AqvileA – Beyond The Fields Of Elysium

Mitologia e battaglie epiche di 2000 anni fa si celano dietro il nome Aqvilea, nome latino della città di Aquileia. Dai è chiaro, tali elementi possono portare ad un solo genere: il symphonic metal. La zona friuliana è stata fonte di ispirazione per Beyond The Fields Of Elysium in uscita nel marzo 2020. Elementi gotici aumentano il mistero dei temi mitologici, sounds grandiosi, maestosi e solenni enfatizzano l’aspetto epico e fantastico. Voci maschili rabbiose descrivono le battaglie. Tutto ben “orchestrato” per l’appunto… ma l’interità è lì solo per mettersi a disposizione della punta di diamante: la voce femminile di Cae Lys che caratterizza l’intero album.

Polvere di stelle, Aeterna parte molto forte con la vocalist che fa capire di essere all’altezza dell’immensità del genere che canta. Continuità, decisione, carattere e personalità caratterizzano la sua voce. Temi gotici e misteriosi seguono, una maggiore calma sussegue per poi ripartire in maniera “tirata”.

E’ tutto architettato alla perfezione in Bridges To Liberty. Un ritornello degno del più grande Melodic Metal, con gli alti e bassi della voce gestiti alla perfezione da Cae. Il secondo singolo estratto dell’album richiama anche toni di death metal tra i vari spazi. Il sound epico è ovviamente alla base del tema del pezzo.

In Alessandria la tecnica della cantante viene fuori con un canto quasi tutto in acuto. Perizia tecnica chirurgica: lei è un soprano spinto, può bastare. Supporto death e gothic negli intermezzi con un po’ di growl, ma la nostra fata dalla voce magica non ha intenzione di cedere il passo.

Il primo singolo estratto invece è Aquae Sextiae che parte con tema epico. Fiati in sottofondo accompagnano subito un immenso tema vocale, rendendo il tutto maestoso ed immenso. La voce è da subito prepotente. Il tema bellico risveglia l’aquila che è nell’ascoltatore e lo invita a lottare per una giusta causa.

Atmosfere più dark e cupe in XIII invece, dove la dolce voce femminile è totalmente messa da parte per far spazio a quella roca di Pier Lando Baldinelli, vera anima dell’album e del gruppo. Inquietudine ed angoscia travolge l’ascolto.

Chiude la title-track Beyond The Elysian Fields con un tema quasi del tutto diverso dal resto dell’album. Inizio con voce eterea, pianoforte ed archi, bar chimes a dare un tocco magico, poi tamburi di marcia. Cae riprende la leadership vocale con maggiore dolcezza. Gli archi tentano un approccio ancora una volta epico, ma è solo un accenno. La ballad va avanti con questa impostazione più morbida dove troviamo anche degli intercalare di flauto traverso. La solennità non manca. A mancare invece sono chitarra elettrica, batteria e basso. Esatto, si tratta di un brano del tutto sinfonico ma sembra non cambiare niente a livello di sound.

Non c’è spazio per banalità né per suoni più semplici. Il sound è totalmente affine alle tematiche testuali: i due secoli che trascorrono dalla fondazione di Aquileia fino alle campagne di Gaio Mario. Le 14 tracce dell’album raccontano dalla navigazione verso il porto di Alessandria alla marcia attraverso le paludi di Mediolanum, dall’attraversamento dei valichi alpini alla sanguinosa e commovente battaglia di Aquae Sextiae. Ogni evento ed avventura citata alla fine ci fa scoprire che quella vita e quelle emozioni non sono diverse dalle situazioni che affrontiamo noi ogni giorno. 2000 anni dopo. L’alternarsi all’inglese del latino spinge ancor di più il concetto di magniloquenza.

Tracklist:
01. 573 A.U.C.
02. Aeterna
03. Bridges to Liberty
04. Morpheus Valley
05. Flight of the Eagle
06. Legacy of Memories
07. Alessandria
08. Mediolanum Swamps
09. Aquae Sextiae
10. Mother Earth Time
11. Back to the Bridge
12. A Day before the Wolf
13. XIII
14. Beyond the Elysian Fields

Line-up:
Pier Lando Baldinelli – Composer, Orchestral Arrangements, Bass Guitar, Vocals
Alessio Tolloi – All guitars, Seven strings rhythmic guitar, Solos & Guitars engineering
Cae Lys – Lead Vocals, Clean vocals, Soprano Vocals, Back Vocals
Stefano Rumich – All Drums

Anno: 2020
Etichetta: Autoprodotto
Voto: 7.5/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...