Guns N’ Roses – Appetite for Destruction

È la seconda metà degli anni ‘80 quando W. Axl Rose, Slash, Izzy Stradlin, Duff “Rose” McKagan e Steven Adler iniziano a suonare insieme nei locali Hard Rock di Los Angeles. Intanto i 5 iniziano a scrivere e registrare alcuni pezzi pur non avendo nessuna casa discografica alle spalle. Vivono in un losco appartamento dove diventano in breve periodo famosi per le loro feste.

Nel 1987, in due mesi, registrano l’album di debutto. “Appetite for Destruction”. Esce nel luglio dello stesso anno e segna un punto di non ritorno per l’Hard Rock e il Glam Metal. In anni in cui l’Heavy Metal sta cercando di (ri)nascere grazie al nuovo movimento del NWOBHM arriva un fulmine a ciel sereno chiamato Guns N’ Roses. Prodotto dalla Geffen sotto l’attenta supervisione di Mike Clink questo album è composto da 12 tracce per circa 53 minuti di musica.
Cinque singoli: “It’s So Easy”; “Welcome to the Jungle”; “Sweet Child o’ Mine”;“Paradise City”; “Nightrain”, tutte canzoni che rappresentano la storia della band e che ogni fan conosce a memoria. Riff memorabili, una voce tagliente, acuta, unica nel panorama di allora, assoli veloci e rimarcabili.
Tutti gli ingredienti sono al posto giusto perché questo album arrivi al successo. Fin da subito viene riconosciuto l’incredibile valore del primo sforzo della band.
Le liriche parlano di donne, amori, droga, le difficoltà di vivere in una città come Los Angeles e la prostituzione.

La copertina originariamente progettata per l’album, basata sul dipinto Appetite for Destruction di Robert Williams, raffigurava uno stupratore robotizzato che stava per essere punito da un vendicatore. Dopo che diversi rivenditori di musica si sono rifiutati di rifornire l’album, l’etichetta ha inserito la controversa copertina all’interno, sostituendola con un’immagine raffigurante una croce celtica e i teschi dei cinque membri della band (progettato da Billy White Jr., originariamente come un tatuaggio), con ciascun cranio che rappresenta un membro della band.

Epocale!

Tracklist:
01. Welcome to the Jungle
02. It’s so Easy
03. Nightrain
04. Out Ta Get Me
05. Mr.Brownstone
06. Paradise City
07. My Michelle
08. Think About You
09. Sweet Child O’ Mine
10. You’re Crazy
11. Anything Goes
12. Rocket Queen

Formazione:
Axl Rose – voce, sintetizzatore, percussioni
Slash – chitarra solista, ritmica e acustica
Izzy Stradlin – chitarra ritmica, solista, cori, percussioni
Duff “Rose” McKagan – basso, cori
Steven Adler – batteria

Links:
Website
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube

Anno: 1987
Etichetta: Geffen Records
Voto: 10/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...