HammerFall – Live! Against The World

Lo scorso 15 Febbraio gli HammerFall erano alla tripudiante MHP Arena di Ludwigsburg, in Germania, per un’altra tappa del loro World Dominion tour, inaugurato nel 2019.

Sono passati 20 anni dall’album Renegade (quello del singolo omonimo e dell’ottima Always Will I Be), e la band svedese vuole celebrarli con l’esecuzione di almeno una canzone per ciascun album della loro densa carriera, includendo anche qualche brano raramente suonato dal vivo, come Keep The Flame Burning – tra l’altro, una delle preferite di Oscar Dronjak, fondatore e chitarrista della band (“[…] it was so cool to see it return after so many years’ absence!”). Come spiega lo stesso Dronjak: “The live act that Hammerfall is right now blows everything we have done previously out of the water, and I am super happy that we got to document it in this way on the biggest tour we have ever done. […] The setlist speaks for itself — every album is represented with at least one song; there’s stuff we have never performed live before, songs we haven’t played in a long time and of course all the classics. It’s a great testament to where we stand today, and an added bonus is that we finally got to record something major in Germany, in front of the fans who have been with us literally since day one.

La performance inizia con Never Forgive, Never Forget e One Aganist the World, dall’ultimo album, nonché… un attacco templare: un incipit epico che, nella cornice del super tour letteralmente esplosivo (una super produzione di cui l’elemento pirotecnico, tra chitarre a martello e drumming galvanizzante, è solo una delle componenti…), tra i fan è già leggenda.

Proseguono poi, dando l’ennesima prova del virtuosismo che contraddistingue il loro power melodico, con classici come Any Means Necessary, Last Man Standing e Let The Hammer Fall, senza farsi mancare special guest come la potente vocalist dei Battle Beast, Noora Louhino, nella ballad Second to One, e momenti di pura esaltazione come durante l’orecchiabilissima (We Made) Sweden Rock. E il pubblico tedesco, particolarmente affezionato a questo sottogenere di metal non solo per il mix di riff e melodia ma anche per i continui riferimenti al mondo fantasy, non ha potuto che far sentire il proprio affetto – seppur, per i nostri canoni, con un po’ di timidezza: tuttavia, non mancheranno le grida di battaglia! E dopotutto, con brani come Hector’s Him, The Dragon Lies Bleeding, Blood Bound o The Way of the Warrior non possiamo certo dire che la band svedese deluda le aspettative. La chiusura è poi in bellezza, con la poderosa e immancabile Hearts on Fire.

Il commento a freddo (si fa per dire) del vocalist Joacim Cans, nell’allinearsi all’immaginario vigoroso che da sempre caratterizza la band (“HammerFall is and always will be a live band and together with the greatest fans in the world we are an unstoppable force!“) aggiunge una nota particolare all’album che, contro ogni ragionevole previsione, esce nelle attuali circostanze (speriamo) del tutto eccezionali, soprattutto per il mondo dello spettacolo: “I am so damn proud that we are able to present a full blown, up-to-date, live show in these extremely difficult times. A time when real live shows in front of a ”real” live audience have ceased to exist. The show at MHP Arena Ludwigsburg was nothing but epic and really captured the strength and power of the band as a live act and shows the joy we are experiencing together on stage every night, no matter where we play. This is the biggest stage production we ever had and now you can experience this at home anywhere, at any time.

E così, dal prossimo 23 ottobre saranno disponibili 105 adrenalinici minuti di concerto in due cd (ma anche, per i più esigenti: in un Earbook di 48 pagine ad alta qualità; su BluRay/ CD Digipack; su 3 LP in vinile e in digitale) adatti a soddisfare le esigenze di tutti, vecchi e nuovi fan, che fossero presenti o no al megaevento.

We are HammerFall and this is what we do!“, riassume semplicemente ed esaustivamente Joacim. E ha ragione: Live! Against the World è senza dubbio un must have per gli aficionados. Ma potrebbe essere un prodotto molto, molto interessante anche per tutti coloro che sono in astinenza da live show degni di questo nome.

Carpe diem, dunque, che concerti così non se ne vedono da mesi e, forse, non ne vedremo ancora per un po’.

Tracklist:
CD1
01. Never Forgive, Never Forget
02. One Against The World
03. Heeding The Call
04. The Way Of The Warrior
05. Any Means Necessary
06. Hallowed Be My Name
07. Blood Bound
08. Redemption
09. Hector’s Hymn
10. Natural High

CD2
01. Second To One
02. Renegade Medley
03. Keep The Flame Burning
04. Dominion
05. The Dragon Lies Bleeding
06. Last Man Standing
07. Let The Hammer Fall
08. Hammer High
09. (We Make) Sweden Rock
10. Hearts On Fire

Line-up:
Joacim Cans – voce
Oscar Dronjak – chitarra
Pontus Norgren – chitarra
Fredrik Larsson – basso
David Wallin – batteria

Anno: 2020
Etichetta: Napalm Records
Voto: 8/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...