Journey: Steve Perry, “L’auto-tune ha tasformato tutti nello stesso cantante”

In una recente intervista con Kyle Meredith, l’ex cantante dei Journey, Steve Perry, ha espresso il suo pensiero sui software di intonazione vocale, come Auto-tune, utilizzati sempre di più in studio e anche dal vivo.

“L’Auto-Tune ha trasformato tutti nello stesso cantante e questo è una tragedia. Molto tempo fa un musicista molto in gamba mi disse che quando ascolti qualcuno di eccezionale come Barbara Streisand, pensi: ‘Non ci credo, non può fare una cosa del genere. Come fa?’. Stessa sensazione emozionante se ascolti Muddy Waters. Sono due voci molto diverse, due timbri differenti e due stili differenti. Una è angelica e stupenda l’altra è un po’ più sforzata e con qualche imperfezione, il che è esattamente quello che vogliamo. E’ umano. Il canto è una delle forme di comunicazione più primordiali e permarrà ancora per molto, dunque non mi piace il fatto che oggi molta gente cancelli quello di cui abbiamo appena parlato usando l’Auto-Tune.”

Steve Perry Interview: New Acoustic Album, Journey's Legacy - Rolling Stone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...