Epica – Luppolo In Rock Cremona 28/08/21

Il mondo della musica dal vivo ha avuto una brusca interruzione un anno e mezzo fa, quando il mondo intero si è fermato. Abbiamo tutti assistito al continuo rinvio di anno in anno dei concerti a cui volevamo partecipare e anche quest’estate oramai ci eravamo rassegnati all’assenza di eventi dal vivo di musica metal nel nostro Paese. Qualche mese fa, inaspettatamente, gli organizzatori del Luppolo In Rock hanno deciso di provare ad organizzare un festival, unico nel suo genere a causa delle circostanze, e hanno lavorato duramente per portare sul palco due incredibili band: gli Epica e i Jinjer.

Purtroppo la situazione attuale non permette un ritorno alla completa normalità dei concerti: niente pogo e niente corsa per la transenna, perché questa volta la platea è occupata da più di mille sedie blu. Superati i tornelli di ingresso, gli spettatori possono dirigersi al posto che preferiscono: c’è chi è venuto da solo, chi in coppia e chi con un gruppo di amici, per trascorrere insieme una serata molto diversa dal passato, ma allo stesso tempo anche molto attesa.

Qualche ora dopo salgono sul palco gli italiani Moonlight Haze, un gruppo power metal nato nel 2018 e capitanato da Chiara Tricarico. La scelta di includere questa band nel bill è assolutamente comprensibile, dal momento in cui si intuisce che tra le loro influenze ci sono molto probabilmente gli Epica. Infatti, per l’ultimo brano salgono a sorpresa sul palco Mark Jansen, voce e chitarra della band olandese, e la sua fidanzata Laura Macrì, portando in scena per la prima volta un pezzo registrato insieme a distanza e mai suonato dal vivo. In seguito è il turno degli Elvenking, apprezzati non solo in Italia ma anche all’estero, che con l’occasione riescono anche a festeggiare il loro ventennale, che altrimenti sarebbe quasi passato inosservato, come commenta il frontman Davide “Damna” Moras. Si nota subito l’esperienza della band nel tenere il palco e si respira una bella atmosfera folk, anche grazie alla presenza del violino di Fabio “Lethien” Polo.

Dopo una piacevole ora di concerto, il pubblico si prepara ai tanto attesi headliner della serata. Gli Epica portano finalmente nel nostro Paese il nuovo album Omega, uscito a febbraio di quest’anno. Il chitarrista Isaac Delahaye ci svela che non è stato possibile utilizzare le fiamme sul palco, ma al loro posto troviamo due grossi cobra che “sputano” fumo dalle loro bocche. Anche il resto del palco è allestito per promuovere il nuovo disco e ne troviamo un riferimento anche nel microfono di Simone Simons, la leggendaria voce degli Epica. Dopo l’intro Alpha – Anteludium, la band sale sul palco per eseguire il primo singolo dell’ultimo album, Abyss Of Time, ricevendo subito una forte accoglienza dal pubblico italiano. Sempre tratta da Omega, è il turno di Freedom – The Wolves Within, per poi fare un salto nel passato con l’iconica Sensorium. La scaletta prosegue con Victims of Contingency, Storm The Sorrow e Unchain Utopia, uno dei brani che Simone Simons ama di più eseguire dal vivo, per poi regalarci 13 emozionanti minuti con la più recente Kingdom of Heaven Part 3 – The Antediluvian Universe, nonché la preferita di Mark Jansen. La prima parte del concerto si conclude con altri due brani di Omega: The Skeleton Key e Omega – Sovereign of the Sun Spheres. L’encore è poi composto da tre grandi classici della band: The Obsessive Devotion, Beyond the Matrix e la bellissima Design Your Universe, che chiude lo spettacolo.

Nonostante tutte le difficoltà del caso e la stranezza del momento, gli Epica sono riusciti a farci sognare come facevamo prima della pandemia, quando il mondo era diverso da come lo conosciamo adesso. Simone ha riconfermato le sue ottime doti vocali e la forte presenza scenica, assieme a Mark con il suo growl impressionante e la sua devastante energia, sul palco e nella vita. Ma gli Epica non sarebbero gli Epica senza il contributo di tutti i membri: ai  sopracitati si aggiungono Coen Janssen, Ariën van Weesenbeek, Isaac Delahaye e Rob van der Loo, che completano la formazione. Si percepisce il forte legame che lega i sei musicisti ed è proprio questa una delle ragioni per cui gli spettacoli degli Epica sono sempre di altissimo livello. Il Luppolo in Rock ci ha fatto rivivere le emozioni che solo la musica dal vivo ci sa regalare e che neppure i posti a sedere, il distanziamento e le mascherine ci potranno portare via.

Che dire… una serata “Epica”!

ROAD TO LUPPOLO 2021: gli orari del festival di Cremona con EPICA, JINJER e  altri

Setlist:

Abyss of Time – Countdown to Singularity
Freedom – The Wolves Within
Sensorium
Victims of Contingency
Storm the Sorrow
Unchain Utopia
Kingdom of Heaven Part 3 – The Antediluvian Universe
The Skeleton Key
Omega – Sovereign of the Sun Spheres
The Obsessive Devotion
Beyond the Matrix
Design Your Universe

Un pensiero su “Epica – Luppolo In Rock Cremona 28/08/21

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...