Radiohead – Ok Computer

“Non è un disco sui computer”, ha dichiarato Thom Yorke, frontman dei Radiohead, del terzo album della band. Pubblicato il 21 maggio 1997 dalla Parlophone e dalla Capitol Records, Ok Computer è un album completamente autoprodotto con l’aiuto di Nigel Godrich, ricco di influenze beatlesiane, dei Genesis, King Crimson, Bob Dylan.

La band oxfordiana tratta temi fondamentalmente riconoscibili nel caos della musica: la disumanizzazione del mondo contemporaneo, il crescente aumento delle potenzialità della tecnologia, che ci lascia sconnessi dal mondo reale, che rende frenetica la nostra vita, i rischi legati all’uso delle macchine: ogni canzone trasmette, attraverso il suono e le parole, un po’ di queste tematiche.

Il disco si apre con un potente riff di Jonny, suonato all’unisono con il Mellotron: si parla di Airbag. Una traccia ricca di variazioni, di strumenti che tentano di rievocare un suono intermittente, come una stazione radio che sta per perdere momentaneamente la sua frequenza. Philip Selway svolge davvero un ottimo lavoro con la batteria, che senza dubbio provvede a dare al pezzo un suono ruvido e forte.

Non mancano anche pezzi più dolci e malinconici, adatti a contrastare canzoni come Paranoid Android, capolavoro indiscusso e Electioneering, in cui Thom, Ed, Jonny mettono insieme un po’ di frastuono con tre chitarre a tutto volume. Parliamo di Let Down, una vittoria sul deserto emotivo descritto dai pezzi precedenti. La sensazione è data dalla musica, che è un continuo crescere e dalla voce di Thom, che passa dal mormorare ad acquisire sempre più potenza.

Il terzo disco dei Radiohead si impose appena uscito come uno dei più influenti album della storia del rock, debuttando da subito in testa alle classifiche nel Regno Unito. Un album che ogni amante del genere e non, dovrebbe conoscere ed ascoltare.

Tracklist:
01. Airbag
02. Paranoid Android
03. Subterranean Homesick Alien
04. Exit Music (for a film)
05. Let Down
06. Karma Police
07. Fitter Happier
08. Electioneering
09. Climbing Up the Walls
10. No Surprises
11. Lucky
12. The Tourist

Formazione:
Thom Yorke (voce, chitarra, pianoforte)
Jonny Greenwood (chitarra solista, tastiere, sintetizzatore, onde Martenot)
Ed O’Brien (chitarra, voce di supporto)
Philip Selway (percussioni)
Colin Greenwood (basso elettrico, sintetizzatori)

Anno: 1997
Etichetta: Capitol
Voto: 9/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...